Tutelare sicurezza e privacy in Sanità con la tecnologia blockchain

Snellire e velocizzare il processo d’interscambio di dati è uno dei leitmotiv ricorrenti quando si parla di innovazione e ricerca. Dati sparsi di dubbia validità, perdita di documenti, problemi di comunicazione e furti d’informazioni rappresentano un costo elevatissimo per il settore sanitario, rendendolo ogni giorno più claudicante e suscettibile d’errore.

Il sistema odierno prevede degli enormi data silos, i quali, rendendo lo scambio di dati ed informazioni estremamente problematico, rallentano tutto il percorso di trasmissione soprattutto da un provider ad un altro, tra pubblico e privato o tra giurisdizioni diverse. Questi data silos inoltre risultano essere non solo molto costosi ma soprattutto estremamente vulnerabili, esponendo così la totalità dei dati contenuti ad un alto rischio di furto o compromissione. La tecnologia blockchain dal canto suo potrà abbattere queste minacce, rendendo le informazioni più sicure, garantendone l’autenticità e migliorandone la distribuzione, proteggendo inoltre la privacy del paziente, che sarà unico responsabile della gestione dei propri dati. L’accessibile approvvigionamento a dati sempre aggiornati in tempo reale, la salvaguardia della privacy e della sicurezza dei dati stessi e la trasparenza delle procedure genereranno un notevole abbassamento dei tempi e una riduzione fondamentale dei costi.

I dati personali verranno gestiti dal singolo paziente, il quale potrà accettare o rifiutare il trattamento dei propri dati e renderli accessibili a medici, infermieri, specialisti o ricercatori ad ogni occorrenza ed in tempo reale, evitando così la lunga ricerca all’interno degli immensi database odierni. Questi dati, per effetto della tecnologia blockchain, saranno garantiti come validi ed effettivi, in quanto nessuno degli attori potrà modificarli o cancellarli in alcun modo, rendendoli dunque consultabili ma non violabili. Questa gestione diretta dei propri dati da parte del paziente permetterà non solo di responsabilizzare l’interessato, ma soprattutto di snellire e velocizzare qualsiasi scambio di informazioni, assicurando altissimi standard di sicurezza e la drastica riduzione di esami duplicati o di errori dovuti ad informazioni errate.

Trial farmacologici, ricerca, tracciabilità di organi e farmaci trarrebbero enorme giovamento da questo sistemico cambiamento, potendo sfruttare l’immediata disponibilità di consultazione di dati e informazioni, garantendo al proprietario l’assoluta salvaguardia della privacy, attraverso una totale anonimizzazione delle proprie generalità individuali.

Trustedchain®, una piattaforma blockchain privata gestita da soli conservatori accreditati AgID la cui peculiarità si rispecchia proprio nell’assoluta garanzia della conservazione dei dati, propone realmente un’alternativa valida all’obsoleta struttura attuale, riducendo al minimo qualsiasi rischio ad oggi molto elevato.

I vantaggi derivanti dall’applicazione di questa tecnologia sono dunque innumerevoli, garantendo assoluta velocità, immutabilità, sicurezza, tracciabilità delle informazioni e risparmio economico a trecentosessanta gradi, partendo dal semplice rapporto medico-paziente per arrivare fino alle incombenze più tortuose, come ad esempio le lunghe pratiche burocratiche delle assicurazioni sanitarie.